Non mi sto inventando nulla: per chi chiede le fonti prenda le sue belle ditine e digiti “Eurostat”, dove troverà tutte le statistiche di cui ha bisogno. In Europa quasi 50 milioni di persone vivono in una situazione di GRAVE DEPRIVAZIONE.

Cosa significa? Che un numero di persone che è all’incirca l’intera popolazione italiana (per darvi un’idea di quante persone siano) non riesce nemmeno più a pagare almeno 4 di queste normali spese: pagare una bolletta, pagare le rate del mutuo o del prestito, farsi una vacanza di UNA settimana all’ANNO, avere un pasto completo, fare fronte a una piccola spesa imprevista, pagare il RISCALDAMENTO di casa, comprarsi un televisore, un telefono o un’auto. Vi ci ritrovate italians? Quanti di voi ci si trovano in almeno una di queste categorie? Bene. Altre 50 milioni di persone, meno voi, sono nelle stesse condizioni.

E stiamo facendo i buoni eh. Perché se consideriamo quelli che l’Eurostat descrive semplicemente come “deprivati”, ossia quelli che della lista sopra non riescono a pagare fino a 3 delle stesse spese, allora parliamo di un bel 17% della pacifica popolazione UE: 85 milioni di persone. Per i più maliziosi: sì, le statistiche sono “gonfiate” da Paesi come Bulgaria, Romania e Grecia che hanno percentuali di nullatenenti altissime rispetto alla media europea. E allora? L’Italia è tra queste.

La Germania si aggira intorno al 13%. Questa è l’Europa della pace. Questo è il prezzo della pace alla europea. Una pace solo di facciate, perché la guerra può essere combattuta in tanti modi e creare un Organismo Sovranazionale Antidemocratico in stile Feudale è uno di questi. E noi questa guerra la stiamo miseramente perdendo.

Fabrizio Virga | via Economia Democratica

 

loading...