La sterlina scivola a nuovi minimi, mentre la Borsa di Londra vola in territorio record con guadagni da favola. Sono le due facce della Brexit che, a poco piu’ di due mesi dal voto che ha decretato l’uscita della Gran Bretagna dalla Ue, comincia a prendere forma nel calendario del Governo. Il discorso della premier Theresa May al congresso dei Conservatori, la scorsa domenica, punta a una ‘Brexit dura’, in cui il controllo della politica di immigrazione sara’ prioritario rispetto al pieno accesso al mercato unico europeo. May ha anche indicato il prossimo marzo quale termine per l’avvio del negoziato con Bruxelles sui termini dell’uscita. Entro due anni e mezzo, quindi, il divorzio tra Regno Unito e Ue potrebbe essere cosa fatta.

loading...