Migliaia di persone hanno reso omaggio in Burundi alla tre anziane suore italiane brutalmente assassinate questa settimana, un addio commosso e pieno di lacrime prima che i feretri siano trasportati nella Repubblica democratica del Congo.

Ai funerali hanno partecipato secondo le stime 3mila persone, tra cui il vice presidente e importanti politici del Burundi. Molti dei presenti sono scoppiati in pianti a dirotto, mentre l’arcivescovo di Bujumbura, Evariste Ngonagoye, ha elogiato il servizio che le tre religiose hanno reso a un Paese che deve fare i conti con un’estrema povertà. E ha censurato i crimini “disumani” di cui si è macchiato il loro killer.

loading...

Olga Raschietti (83 anni), Lucia Pulici (75) e Bernardetta Boggian (79), saranno seppellite giovedì nella città di Bukavu, nella vicina Repubblica Democratica del Congo, dove l’ordine cui appartengono ha una chiesa.

Il vice presidente del Burundi, Prosper Bazombanza, ha affermato che il governo è “inorridito da una simile barbarie”. La polizia ha arrestato un uomo che ha confessato il triplice omicidio, compiuto in due distinti attacchi contro il convento delle suore, vittime anche di violenza sessuale. L’assassino si è accanito su una delle vittime con un sasso e ne ha decapitata un’altra.

Questa è una notizia dell’agenzia TMNews.

loading...