Il cancelliere austriaco Christian Kern intende il prossimo 16 settembre al Consiglio d’Europa di avviare una “discussione dura” sulla questione della sospensione dei negoziati di adesione della Turchia nella UE, segnala il canale televisivo austriaco ORF.

Secondo Kern, la Turchia non è candidabile per l’adesione all’Unione Europea, “né ora né nei prossimi decenni.” Il politico ha bollato i negoziati in questa fase come “una finzione diplomatica”.

Come spiegato dal cancelliere austriaco, oltre a motivazioni di carattere politico, “il divario tra l’economia turca e quella europea è così grande che per Bruxelles l’adesione di Ankara non è conveniente nemmeno per ragioni economiche”. Kern ha inoltre aggiunto che a suo parere Ankara è economicamente dipendente dall’Europa nel lungo periodo.

In precedenza il presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker aveva dichiarato che se la Turchia avrebbe ripristinato la pena di morte dopo il fallito colpo di stato, la UE avrebbe immediatamente interrotto il processo di adesione di Ankara in Europa.

Sputnik

loading...