È possibile racchiudere quasi tutta la Me-MMT in un video di 6 minuti? Si, se a parlare è Mike Norman, il capo economista della John Thomas Financial, istituto finanziario di Wall Street. Mike viene da più di 30 anni di esperienza nel trading e nella finanza, da Merril Linch a Credit Suisse e afferma, senza ombra di dubbio, che la Me-MMT è la chiave adeguata per sbloccare la serratura di questa crisi e lo dice su un network mondiale, Russia Today, senza timori. Non che noi avessimo bisogno di prove, ma alcuni di voi si.

Il breve video merita di essere guardato per la padronanza e la semplicità con cui Mike descrive la Me-MMT. Inoltre, è propedeutico saper smontare i falsi miti creati affinché, a noi cittadini, non sfiorasse mai l’idea di pretendere la piena occupazione: “tanto non ci sono i soldi… lo Stato è come una famiglia”.

Poi arriva Mike su Russia Today e spiega che:

  • rischio default zero per i Paesi dotati di sovranità monetaria. Per esempio, gli USA emettono la loro moneta dal nulla e saranno sempre in grado di ripagare un’obbligazione denominata nella loro valuta, il dollaro. Sempre;
  • l’interesse sui titoli di Stato non è, in alcun modo, influenzato dalla quantità di spesa del governo. Mai. Giappone docet;
  • le agenzie di rating non capiscono nulla del sistema monetario attuale e non vanno prese in considerazione essendo le stesse che classificavano i titoli spazzatura con la tripla A;
  • gli Stati, per garantire benessere al 99% della popolazione devono stimolare la domanda spendendo in infrastrutture, scuola, sanità, ricerca e sviluppo, trasporti pubblici, energia rinnovabile. Devono usare la moneta che emettono per garantire standard di vita tali da rendere l’esistenza di tutti dignitosa.

 

Riflessioni:

  • Mike Norman va abitualmente in tv, da CBS a Russia Today, e parla di Me-MMT. Noi invece, in Italia, siamo totalmente ignorati, Barnard in primis;
  • in questo video c’è quasi tutta la Me-MMT, in 6 minuti. C’è la corrente economica che stabilisce come è assolutamente possibile che la tua vita sia “normale”, perché l’anormalità è quella di Stati che devono chiedere in prestito una moneta, o quella di nazioni che la spendono per l’1% piuttosto che per il 99%, il contrario di quello che promuoviamo noi. La normalità è uno Stato che mantiene un deficit tale da far si che tu abbia una casa, un lavoro, che tu possa acquistare l’abbonamento ai mezzi pubblici, curarti e coprirti, andare a teatro o passare il fine settimana in una città d’arte. Se voi non capite quanto rivoluzionario e storico è ciò che stiamo facendo insieme, ignorateci. Nel caso opposto, se hai compreso che la Me-MMT rappresenta l’unica flebile speranza prima di crepare schiacciati dal nuovo euro-feudaulesimo, dacci una mano. Diffondi a man bassa la Me-MMT, “Il più grande crimine” di Barnard e il Programma di salvezza economia. Non hai lo spirito per questo? Allora dimenticaci, considera la conoscenza della Me-MMT un incidente di percorso e vivi il più serenamente possibile. Ora c’è necessità di coraggio e tenacia. Stop.

Mike Norman è un economista e trader con una carriera trentennale a Wall Street. Nel 1979 ha cominciato con Merrill Lynch facendo trading in quattro mercati (NYFE, NYMEX, COMEX, CME). Durante gli anni ’80 si è ben distinto come broker nel NYMEX. Nel 1990 è stato assunto da Credit Suisse per avviare il traiding dei derivati e si è trasferito 10 anni a Ginevra. Lasciata la banca ha creato un’azienda di ricerca economica i cui clienti includono le principali banche mondiali. Norman è un commentatore televisivo e abitualmente viene intervistato da CNBC, Bloomberg e Fox News. Nel 2003 ha firmato un contratto di esclusiva con Fox News e ancora oggi appare regolarmente su Fox Business. Nel periodo 2004-2009, spesso è stato ospite di BizRadio Network. Norman è un esperto di politica fiscale e monetaria e ha creato un indicatore chiamato Fiscal Liquidity Index che sottolinea l’impatto sui mercati finanziari della spesa del governo. Questo indice è pubblicato tutti i giorni da Bloomberg. Norman ha una laurea in economia conseguita presso l’università della Pennsylvania e un master ottenuto al UCLA. È frequentemente invitato come speaker negli eventi di importanti aziende e ha avuto l’onore di presentare il suo outlook al Army War College. È stato candidato al consiglio comunale di New York nel 2001.

loading...