I clienti della Deutsche Bank che hanno investito in oro non lo possono ricevere fisicamente, eppure ne hanno il diritto: il no dovuto a carenza di risorse?

La notizia è stata resa nota dal sito specializzato Godmode-Trader.de: la Deutsche Bankrifiuta di concedere l’oro fisico ai suoi clienti che hanno investito nel metallo pregiato, a dispetto di quanto riportato sul sito di Xetra-Gold, società quotata nella borsa tedesca che opera nel mercato delle materie prime. All’interno del portale di Xetra-Gold, infatti, è esplicitamente scritto che gli investitori hanno diritto ad ottenere oro fisico in caso di richiesta, eppure la Deutsche Bank si oppone.

L’oro acquistato attraverso gli investimenti dei clienti – questo è ciò che è riportato sul sito – viene custodito da una società di Francoforte controllata interamente dalla Deutsche Börse, mentre una quota più piccola, utilizzata per rendere più agevole la consegna dell’oro fisico, è custodita da un’altra società. L’oro virtuale in possesso della Xetra-Gold, in teoria, corrisponde all’oro fisico che i clienti possono richiedere in qualunque momento, nonostante ciò le richieste vengono respinte.

Con quale motivazione? “Il servizio non è più disponibile per motivi di politica aziendale” è la risposta che la Deutsche Bank fornisce a chiunque faccia richiesta dell’oro fisico sul quale ha investito tramite Xetra-Gold. Non è stato ancora appurato se tale decisione è stata presa solo dalla Deutsche Bank oppure se anche altri istituti bancari hanno seguito la medesima strada, rifiutandosi di consegnare fisicamente l’oro degli investimenti fatti da Xetra-Gold.

loading...

Le partecipazioni di Xetra ammontano a circa 85 tonnellate di oro e fino ad oggi ne sono state consegnate 4 tonnellate (per un totale di poco inferiore a un migliaio di consegne); gli asset della società hanno un valore complessivo che raggiunge i 3,5 miliardi di euro. Come si spiega il secco no alla consegna dell’oro fisico agli investitori da parte della Deutsche Bank, tenendo conto che si tratta in genere di piccole quantità? Secondo il parere degli esperti dietro tale rifiuto si cela una diminuzione della quantità di oro disponibile.

Eppure la Germania, secondo il World Gold Council, vanta una riserva aurea che sfiora le 3400 tonnellate, la seconda più grande al mondo; la maggior parte di questo oro, però, non si trova sul suolo tedesco: circa 1400 tonnellate, infatti, sono custodite a New York e altre 600 circa fra Londra e Parigi. Il rifiuto della Deutche Bank a concedere l’oro fisico può essere spiegato dalla decisione presa poco tempo fa dal governo tedesco diriportare sul suolo nazionale l’oro che si trova in altri Paesi: di recente sono state infattirimpatriate quasi 400 tonnellate d’oro custodite a New York e Parigi.

Una decisione che sembra confermare le teorie di alcuni esperti circa il calo delladisponibilità aurea in Germania, il cui ammontare potrebbe essere inferiore a quanto dichiarato ufficialmente. In sostanza, i capitali di chi ha investito attraverso Xetra-Gold potrebbero rimanere puramente teorici, a causa della sospetta carenza di risorse auree in Germania.

Fonte: Breaknotizie

loading...