I resti dei due generali franchisti Emilio Mola Vidal e José Sanrujo Sacanell, leader con Francisco Franco del colpo di stato contro la repubblica spagnola nel 1936, saranno tolti dal Monumento ai Caduti di Pamplona e consegnati alle famiglie: lo ha deciso la nuova giunta comunale della città guidata dagli indipendentisti baschi di Bildu e da Podemos.

Il provvedimento è stato preso in base alla legge sulla Memoria Storica approvata sotto il governo del premier socialista José Luis Zapatero, che prevede l’eliminazione dai luoghi pubblici dei simboli del regime franchista. Dopo quelli dei due generali saranno trasferiti in novembre anche i resti di altri sei franchisti morti nella Guerra Civile del 1936-39 che dal 1961 erano ospitati dal mausoleo, che sarà chiuso. La piazza sulla quale si trova il monumento, finora dedicata al conte di Rodezno, ministro della giustizia del dittatore Francisco Franco, è stata ribattezzata Piazza della Libertà.

La decisione della giunta di Pamplona riporta l’attenzione sul Mausoleo del Valle de los Caidos dell’Escorial a nord di Madrid dove riposa sempre la salma del dittatore, morto nel 1974. Il celebre ex-giudice Balthasar Garzon ha chiesto di recente che venga tolta dal mausoleo, consegnata alla famiglia e seppellita in un normale cimitero. (ANSAmed).

loading...