Quanto ci metterebbe Vladimir Putin ad invadere Estonia, Lettonia e Lituania e annetterli nuovamente alla Russia? E soprattutto, cosa potrebbe fare a quel punto la Nato? Se questi due interrogativi sono inquietanti, le risposte lo sono di più.

Secondo un dossier elaborato da un think thank americano, riportato dal tabloid britannico Sun, i russi impiegherebbero 60 ore, ossia meno di tre giorni. In un lampo i carri armati e le truppe dello Zar occuperebbero Tallinn, Riga e Vilnius, prendendosi il controllo pressoché totale del Mar Baltico e lanciando una minaccia mai così concreta all’Europa dai tempi della Guerra Fredda.

Fantapolitica? Non proprio, perché gli esperti americani sottolineano anche l’impreparazione o la sostanziale inutilità della Nato, che si troverebbe a fronteggiare due opzioni, “entrambe pessime”. Il primo caso: una “sanguinosa controffensiva miliare” per liberare gli Stati baltici, con il rischio di una guerra nucleare.

Il secondo: un collasso della stessa Alleanza atlantica, umiliata militarmente e diplomaticamente da Mosca. In un solo caso l’Occidente potrebbe bloccare Putin: schierando una forza di 7 brigate, di cui 3 con armi pesanti, supportate da caccia e un sistema missilistico da terra. Un esercito rigorosamente pronto a combattere.

Il fatto che questo scenario venga prospettato ora non è casuale. Da alcuni mesi a questa parte il mondo sta assistendo a una pericolosissima escalation di manovre tattiche e provocazioni, da un lato e dall’altro della ex Cortina di ferro. Nel 2014, dopo l’annessione della Crimea, Polonia e Stati Baltici hanno mobilitato le truppe ai confini come deterrente contro le mire russe.

La Nato ha dato vita alle più imponenti esercitazioni dai tempi della Guerra fredda e nel 2017 invierà 4.000 soldati. Nel frattempo la Russia si sta muovendo nel Mediterraneo in Medio Oriente, mobilitando la sua flotta anche nel Canale della Manica, con scene da “guerra navale” europea.

“Le decisioni politiche e militari che stiamo prendendo e che abbiamo già preso – ha spiegato l’ex generale Nato Richard Shirreff, inglese – ci stanno spingendo verso una futura guerra contro la Russia”. Quando? “Nel 2017”, assicura il militare.

Fonte: Qui

loading...