Il Fondo monetario internazionale cambia il giudizio sui timori legati all’impatto dei movimenti anti-euro in vista della prossime elezioni in Francia, Germania e anche in Italia. ”E’ vero che ci sono movimenti politici con piattaforme anti-euro ma un break-up della zona euro richiede vari passi che a nostro avviso sono poco probabili: e’ meglio non esagerare l’impatto di breve termine di tali visioni”, ha dichiarato Maurice Obstfeld, capo economista del Fondo monetario Internazionale, illustrando il World Economic Outlook (Weo) di primavera. Un tempo, l’Fmi diceva che la fine dell’euro era impossibile, ora che è improbabile. ”Vediamo alcune tensioni riflesse negli spread ma non direi che i mercati sono compiacenti”, ha osservato Obstfeld, riferendosi il particolare alla Francia e alle imminenti elezioni con la leader del Fronte Nazionale, Marine Le Pen, che ha in programma, in primo luogo, l’uscita dall’euro.

loading...