In Turchia si combatte in piazza e si tratterebbe di una vera e propria battaglia, riporta Rainews: 

“Il centro di Istanbul e quello di Ankara quasi come zone di guerra, fra nuvole di lacrimogeni e ore di scontri: almeno tredici persone sarebbero rimaste ferite e altre 103 sarebbero state arrestate a Istanbul. Il pugno di ferro del premier turco Recep Tayyip Erdogan ha trasformato il primo anniversario della grande rivolta di Gezi Park in una giornata di violenza. La Piattaforma Taksim aveva invitato a manifestare pacificamente alle 19 nella piazza simbolo di Taksim e in molte altre città del Paese muniti di fiori e, simbolicamente, di libri per ricordare gli otto manifestanti uccisi durante le grandi proteste per più libertà e democrazia della primavera 2013. Ma il premier islamico ha vietato ogni concentrazione e ha avvertito che chi avesse manifestato sarebbe stato arrestato: “Alle nostre forze di polizia sono state date istruzioni chiare. Faranno tutto ciò che è necessario”. 

Il governo turco ha schierato migliaia di poliziotti e decine di veicoli per contrastare i manifestanti: 

“Più di 25mila agenti appoggiati da 50 blindati Toma sono stati dislocati nel cuore di Istanbul per impedire qualsiasi manifestazione. Ma nonostante il divieto di Erdogan, migliaia di persone a Istanbul, Ankara, Antalya, Adana e in altre città sono scese in piazza. Le forze anti-sommossa sono intervenute con brutalità su viale Istiklal, la via icona della movida di Istanbul, ma anche a Cihangir, a Kadikoy, nel quartiere alevita di Gazi, con lacrimogeni, cannoni ad acqua e pallottole di gomma per impedire che i manifestanti si avvicinassero alla piazza. Secondo la Tv Haberturk, sarebbero state usate anche pallottole di gomma. Le forze antisommossa sono intervenute anche nel quartiere alevita di Gazi.” 

Un giornalista della CNN è stato arrestato mentre era in onda, e un fotografo italiano sarebbe stato colpito da un lacrimogeno: 

La polizia ha preso di mira direttamente anche i giornalisti, dando di nuovo un’impressione di assoluta impunità. Il corrispondente della Cnn Ivan Watson è stato arrestato in diretta da un gruppo di poliziotti in borghese. Il cronista è stato strattonato per la giacca e portato via, in diretta, insieme a tutta la troupe. Sono stati liberati dopo mezz’ora. Watson ha detto di essere stato percosso. Altri giornalisti hanno denunciato violenze. Ad Ankara il fotografo italiano Piero Castellano ha detto di essere stato colpito, sembra all’addome, da un candelotto lacrimogeno sparato a tiro teso. “Sto bene”, ha scritto su twitter. Al direttore del quotidiano Evrensel, Erdal Imrek, un agente ha spruzzato gas urticante direttamente in faccia. 

(Fonte)

loading...