Se c’erano ancora dubbi sulla gravità della crisi che minaccia il futuro dell’euro – e potenzialmente della stessa Unione Europea – l’annuncio shock della crisi di governo in Francia dovrebbe metterli a tacere.

Le tensioni all’interno del governo socialista francese sono andate crescendo per mesi, mentre l’economia minacciava una doppia recessione. Ma è stata la critica pubblica da parte del ministro dell’economia francese, Arnaud Montebourg, sull’accettazione da parte di Parigi dell’austerità imposta dall’eurozona, che ha portato il presidente Hollande a chiedere la formazione di un nuovo governo.

L’ironia è che alcuni dei timori espressi da Montebourg circa l’economia francese che si avvia alla deflazione sono stati espressi anche dal presidente della Banca centrale europea (BCE), Mario Draghi, in un importante ma poco noto discorso tenuto venerdì sera negli Stati Uniti. Draghi non ha nascosto la sua crescente preoccupazione per la stagnazione dell’economia dell’eurozona e il mancato stimolo alla domanda da parte dei paesi in grado di farlo. Questo è un messaggio abbastanza ovvio per la Germania.

Si può presumere che – sotto le direttive del presidente Hollande – il primo ministro francese, Manuel Valls, proporrà debitamente  un nuovo governo, depurato dai dissidenti. Ma sarebbe molto sorprendente se lo stesso dibattito innescato da Montebourg non tornasse molto presto a perseguitare i responsabili politici francesi. Ma quel che è nuovo, e potenzialmente molto preoccupante, è la prospettiva che il tempo a disposizione del governo francese per evitare il disastro – e il tempo di tutta l’eurozona nel suo insieme – si stia rapidamente esaurendo.

Draghi e la BCE vogliono chiaramente agire rapidamente per ammorbidire ulteriormente la politica monetaria, possibilmente includendo gli acquisti su larga scala di debito pubblico e privato. Ma tempi per farlo non sono interamente nelle mani della BCE, ed è ancora possibile che il governo di Berlino – sotto la pressione della Bundesbank – punti i piedi. Né vi è molto entusiasmo a Berlino sull’adozione di misure fiscali per stimolare la domanda in tutta l’eurozona.

loading...

Il pericolo è che se la zona euro dovesse scivolare sempre più in una deflazione vera e propria, diventerà ancora più difficile invertire la tendenza economica. Sotto la superficie, tuttavia, il dibattito potrebbe centrarsi sulla scala dell’azione da intraprendere, per timore che la scelta possa diventare o salvare l’euro o salvare la stessa UE. All’interno della coalizione della Merkel, aumentano le pressioni  per un cambio di direzione economica al fine di evitare una catastrofe, non solo economica, ma anche politica, sull’integrazione europea.

Questa presunta “nuova direzione” non solo deve includere un QE di emergenza da parte della BCE, ma anche uno stimolo alla domanda da parte dei governi, eventualmente accompagnato dalla parziale temporanea sospensione di alcune delle regole della zona euro su deficit e inflazione. Ma è pure essenziale il massimo dispiegamento delle capacità complessive della UE di finanziare una sorta di “New Deal”, guidato da un massiccio aumento degli investimenti sull’energia, i trasporti, l’ambiente e le infrastrutture sociali.

E’ una direzione che lo stesso presidente Hollande sarebbe ben felice di sostenere, se solo potesse mantenere la facciata di un’incontrastata autorità di governo e di continuità della strategia di Parigi. Sarà un trucco difficile da attuare, per lui. Anche il governo italiano guidato da Matteo Renzi è consapevole del fatto che la sua luna di miele politica sta volgendo al termine, e sta conducendo una campagna, appena dissimulata, per un cambio di strategia nell’eurozona.

Quando il gioco si fa duro, nei conclavi delle riunioni ministeriali dell’eurozona potrebbe formarsi una chiara maggioranza favorevole a politiche nuove da realizzare con urgenza. Perfino in Finlandia, tradizionale alleato della Germania sulla linea dura dell’austerità, si sentono nuove voci che mettono in guardia sull’imminente catastrofe economica.

La Merkel cederà alle pressioni per una nuova iniziativa nell’eurozona? Sarebbe sorprendente se non lo facesse. Più di ogni altro governo dell’UE, la Germania sa fin troppo bene quello che potrebbe seguire la disintegrazione dell’euro. La sopravvivenza dell’integrazione europea potrebbe essere in gioco. Gli eventi in Ucraina e altrove mostrano un promemoria riguardo il prezzo che un’Europa debole e disunita potrebbe ora pagare per un errore di calcolo economico.

Autore dell’articolo: John Palmer per The Guardian – Londra.

Traduzione: Voci dall’Estero – che ringraziamo.

loading...