‘Il Decreto sulle banche venete, come proposto dal Governo che mettera’ la fiducia, oltre ad avere l’effetto di una pietra tombale su 210.000 famiglie che avevano investito tutti i loro risparmi, non offre alcun risarcimento concreto agli azionisti-risparmiatori truffati, in particolare coloro che dopo la costituzione del Fondo Atlante, reclamizzato come la soluzione salvifica, avevano acquistato bond subordinati ”. Lo afferma il presidente di Adusbef Elio Lannutti, spiegando che ”gli effetti collaterali della mala gestione delle due banche venete sono ricaduti sulle spalle dei 210 mila azionisti complessivi degli istituti di credito, che hanno perso il 99,7% dei loro investimenti”.

loading...