Il sistema bancario romeno ha registrato un utile nei primi otto mesi dell’anno di circa 450 milioni di euro

BUCAREST – Il sistema bancario romeno ha registrato un utile nei primi otto mesi dell’anno di circa 450 milioni di euro. Il tasso dei prestiti in sofferenza e’ calato al 12,6 per cento, mentre il tasso di liquidita’ e’ stato dell’1,7 per cento e il rapporto fra prestiti e depositi si e’ attestato al 92,5 per cento. Lo ha annunciato il governatore della Banca centrale, Mugur Isarescu, durante un incontro con gli ambasciatori dell’Unione europea. ”Il sistema bancario e’ ben capitalizzato e ha una elevata capacita’ di assorbire eventuali shock. Il tasso di prestiti-depositi e’ notevolmente migliorato negli ultimi anni, raggiungendo il 92,5 per cento nel mese di agosto.

loading...

Gli sforzi per migliorare la qualita’ del portafoglio dei prestiti sono stati amplificati dal 2014, a seguito delle raccomandazioni della Banca centrale. Alla fine del primo trimestre del 2015 il sistema bancario ha avuto un utile di 180 milioni di euro, a meta’ anno i guadagni sono saliti a 270 milioni di euro e ad agosto gli utili si sono raddoppiati. Il mese di agosto ha segnato il ritorno dei prestiti in territorio positivo, per la prima volta dopo il febbraio 2013. I prestiti in moneta nazionale sono cresciuti grazie alla diminuzione dei tassi di interesse, mentre i prestiti in valuta estera sono in declino.

Fonte: ItalianoSveglia

loading...