Il 57 per cento dei francesi non ha più fiducia nel presidente François Hollande: è un calo di popolarità senza precedenti. E non è l’unica cattiva notizia per il capo di stato.

L’istituto di sondaggi Tns Sofres/Le Figaro Magazine ha emesso il suo verdetto il 4 settembre: con appena il 13 per cento delle opinioni favorevoli (- 5 punti in un mese), François Hollande scende più in basso di Jacques Chirac, che nel 2006 aveva toccato il 16 per cento. E anche altri istituti demoscopici confermano i dati sul consenso nei confronti di Hollande.

“Catastrofica! Se c’è una parola per descrivere la stagione politica di François Hollande, questa è la più adatta. Il presidente della repubblica aveva studiato il suo rientro nei minimi dettagli, aveva moltiplicato gli annunci, aveva progettato di “accelerare” il ritmo delle riforme. Ma è dovuto ricorrere a un rimpasto di governo dopo ripetuti insulti del suo ministro dell’economia, Arnaud Montebourg, è stato costretto a dribblare il libro ipermediatizzato dalla sua ex fidanzata, Valérie Trierweiler (Merci pour ce moment), e ora deve affrontare l’uscita del sondaggio. Mai dal 1978 l’indice di gradimento di un presidente era caduto così in basso”, scrive Le Figaro.

loading...

Particolarmente problematica per Hollande è stata l’uscita nelle librerie del libro scritto dalla sua ex compagna, da cui si è separato nel gennaio del 2014 dopo la scoperta di una relazione del presidente con l’attrice Julie Gayet. Il libro, stampato in 200mila esemplari, ha venduto migliaia di copie in poche ore, “più di Cinquanta sfumature di grigio, precisano da Fnac. Edito da una piccola casa editrice, è stato stampato in gran segreto in Germania: pieno di dettagli sulla vita pubblica e privata dell’inquilino dell’Eliseo, ha contribuito ad aumentare le sue ombre tra l’opinione pubblica francese.

Internazionale.it

loading...