La Spagna è senza governo, ormai da un anno, ed è passata attraverso due inconcludenti elezioni anticipate,  .. ma sembra non accorgersene.

La crisi è dovuta al fatto che ormai ci sono tre forze politiche prevalenti, ma nessuna delle tre appare in grado nè di prevalere motu proprio, nè di raggiungere un accordo con le altre. Il Partito Popolare , PP, di Rajoy ha una posizione dominante, ma non sufficiente a raggiungere il premio di maggioranza. A contrapporsi abbiamo  due forze di sinistra, il tradizionale PSOE ed il nuovo Podemos/La Marea, che riunisce le forze più critiche del sistema, ma queste forze , anche per motivi di parrocchia, non riescono nè ad accordarsi fra  di loro, nè tantomeno a partecipare ad un governo di larghe intese con il PP. Nello stesso tempo una quarta forza , Ciudadanos, moderata, pur essenso elettoralmente rilevante, non riesce ad essere un punto di aggregazione.

Quindi un bello stallo che il re Filippo IV risolverà con una nuova tornata elettorale fra dicembre e gennaio, con il rischio di votare il giorno di Natale.

Il Paese però, anche senza governo non se la cava male.

La crescita è presente a tassi che noi sognamo.

Il tasso di occupazione della forza lavoro aumenta

loading...

Il tutto sostenuto da un deficit pubblico elevato, cioè da spesa pubblica, ben al di sopra dei limiti europei che la Commissione vorrebbe forzare.

Quindi tutto perfetto, tutto va bene anche senza governo.Purtroppo non è così.

Infatti la Spagna deve approvare il proprio bilancio entro vine anno, con scadenze estremamente restrittive , come appare da questa illustrazione prodotta da HSBC.

Se non verrà approvato in tempo il bilancio, e con le elezioni incomenti non è scontato , vi sarà una riduzione dell’1% automatica a casua dell’entrata in vigore dell’esercizio provvisorio. Inoltre , non essendovi un governo in grado di trattare con Bruxelles, vi è la possibilità di una riduzione dei contributi europei dovuto al fatto che i criteri europei di bilancio sono stati bellamente ignorati.

Insomma l’anarchia spagnola può portare a delle conseguenze sul tasso di crescita del paese, ma per motivi diversi da quelli che ci attenderemmo. Vedremo se, almeno temporaneamente, saranno in grado di trovare una soluzione.

Fabio Lugano – Scenarieconomici

loading...