NEW YORK – La principale delle agenzie stampa finanziarie a livello globale, Bloomberg, lancia un allarme mirato che segnala l’alto rischio-Italia: è iniziata la fuga d capitali.

“L’Italia – scrive Bloomberg – seguira’ l’esempio del Regno Unito e lascerà l’Europa, pressata dal debito pubblico, dall’eccessivo rigore nei conti imposto da Bruxelles e da un ambiente svantaggioso per la sua economia?”

“Prevederlo oggi e’ praticamente impossibile – precisa Bloomberg – ma a giudicare dai flussi di capitali, diversi investitori non intendono attendere di scoprire la risposta e stanno lasciando il Paese trasferendo i propri capitali in banche di altre nazioni dell’eurozona”.

“Le banche centrali europee tengono sotto controllo i flussi di capitali tra i paesi membri dell’Ue – spiega Bloomberg – ed è una misura necessaria a vigilare sull’equilibrio dei bilanci dell’eurozona. Se ad esempio 100 euro vengono spostati dall’Italia alla Germania, la Banca d’Italia notifica all’Eurosistema un passivo di eguale importo, e la Bundesbank un attivo”.

“Il progressivo accumulo di passivi da parte di una banca centrale – precisa ancora l’agenzia – solitamente e’ il sintomo di una fuga di capitali, che a sua volta e’ l’effetto di un grave rischio sistemico percepito. E’ proprio cio’ che ultimamente e’ accaduto in Italia: tra gennaio e settembre di quest’anno Bankitalia ha accumulato passivi per 354 milioni di euro nei confronti del’Eurosistema, 118 milioni in piu’ rispetto allo stesso periodo del 2015 e 78 in piu’ dalla fine di maggio”.

Questi dati sono molto significativi, ancorchè non pubblicizzati dai mezzi d’informazione italiani.

“Non si tratta – aggiunge Bloomberg – di un deflusso di capitali paragonabile a quello vissuto dal paese durante la crisi del debito sovrano del 2012 e d’altra parte quello per tutta la zona euro fu il momento finora più drammatico, ma e’ comunque un dato grave e significativo”.

“Il principale beneficiario di questo flusso di denaro in uscita dall’Italia pare essere proprio al Germania, che rispetto allo scorso anno ha aumentato i suoi attivi nei confronti dell’Eurosistema di 160 miliardi. Le dinamiche in atto possono essere spiegate con una serie di timori contingenti, principalmente quelli legati allo stato del sistema bancario italiano in difficoltà con rischi di bail in di alcune grandi banche e marginalmente anche il referendum del prossimo 4 dicembre”.

“Sia come sia – conclude Bloomberg – la scia dei capitali i fuga dall’Italia esprime una fiducia degli investitori nella solidita’ di fondo del progetto europeo. Sì, ma solo se fa capo alla Germania”.

loading...