La guerra che portò il caos in Libia venne scatenata dai francesi con l’avallo degli americani. L’obiettivo era uno solo: affermare la potenza transalpina ed eliminare ogni influenza italiana nel Maghreb

La guerra di Libia – un’altra – cent’anni dopo. Correva l’anno 2011, i dodici mesi che cambiarono il mondo ma sopratutto la storia d’Italia.

Eravamo ormai abituati a ricordarlo come l’anno della caduta del governo Berlusconi IV e dell’arrivo dell’ultra-europeista Mario Monti a Palazzo Chigi dopo mesi di attacchi politici e finanziari (non senza speculazioni assai poco trasparenti).

Tutti ricordiamo gli insopportabili risolini di Angela Merkel e Nicolas Sarkozyal Consiglio Europeo del 23 ottobre 2011. Ebbene, ora su quei giorni cruciali potremmo apprendere qualcos’altro. Se possibile, qualcosa di ancora più inquietante.

Come ha rilevato Scenarieconomici, spulciando fra le mail dell’allora Segretario di Stato Usa Hillary Clinton si scopre che l’attacco internazionale che portò alla caduta del regime di Muhammar Gheddafi e all’uccisione del Colonnello venne lanciato solo ed esclusivamente per rispondere a precisi interessi geostrategici francesi, con l’avallo statunitense. A tutto detrimento degli interessi italiani.

Certo, sapevamo già che la guerra voluta da Sarkozy era un mezzo per estromettere il nostro Paese dal controllo del petrolio libico, ma vederlo scritto nero su bianco resta comunque impressionante.

loading...

E allora vediamo cosa contengono, quelle mail famigerate. Il 2 aprile del 2011 l’attuale candidata democratica alla Casa Bianca riceveva un messaggio dal suo consigliere per il Medio Oriente Sidney Bluementhal dai toni assai espliciti. Da quelle righe emerge infatti che il presidente francese dell’epoca, Sarkozy, ha finanziato e aiutato in ogni modo le fazioni anti gheddafiane con denaro, armi e addestratori, allo scopo di strappare più quote di produzione del petrolio in Libia e rafforzare la propria posizione tanto sul fronte politico esterno quanto su quello geostrategico globale.

Di più. A motivare definitivamente la decisione dell’Eliseo di entrare nel conflitto sarebbe stato il progetto del raìs di soppiantare il franco francese africano con una nuova divisa pan-africana, nell’ottica di un’ascesa della Libia come potenza regionale in grado di raccogliere intorno a sè un’alleanza regionale di Stati. Sostituendo così proprio la Francia, a suon di oro e di argento (Gheddafi ne avrebbe conservate poco meno di trecento tonnellate).

Le conseguenze dell’intervento sono storia nota, con la Libia precipitata in un’atroce guerra civile, l’Isis che spadroneggia sulle coste meridionali del Mediterraneo e un’ondata di migranti senza precedenti che si riversa sulle nostre coste. All’epoca l’Italia, all’oscuro di tutto, prese addirittura parte alla guerra contro Gheddafi, sia pure a malincuore.

Ora però è chiaro che quella manovra, insieme all’attacco speculativo portatoci dalla Germania, aveva un solo obiettivo: l’Italia. Che ancora oggi ne sconta le terribili conseguenze.

Fonte: Il Giornale

loading...