L’affermazione che l’America è “eccezionale e indispensabile” è usata per giustificare il diritto di Washington di imporsi sugli altri paesi
Si potrebbe pensare che ormai anche gli americani dovrebbero essere avvezzi al flusso costante di falsi allarmi che Washington lancia per ingannare il popolo e indurlo a sostenere i suoi piani segreti, scrive Paul Craig Roberts sulla versione online della StrategicCultureFoundation.

Il pubblico ha creduto alla bugia che i talebani in Afghanistan fossero terroristi alleati con al Qaeda. Gli americani hanno combattuto una guerra per 13 anni che ha arricchito la società didi Dick Cheney, Halliburton, e altri privati, solo per concludersi con un altro fallimento di Washington.
Il pubblico ha creduto alla menzogna che Saddam Hussein in Iraq aveva “armi di distruzione di massa”, che erano una minaccia per l’America e che, se gli Stati Uniti non avessero invaso l’Iraq gli americani avrebbero rischiato un “fungo atomico che si sollevava su una città americana”.

Con l’ascesa dell’ISIS, questa lunga guerra è tutt’altro che finita. Miliardi di dollari in più in profitti andranno nelle casse del complesso di sicurezza militare degli Stati Uniti, mentre Washington combatte coloro che stanno ridisegnando i falsi confini del Medio Oriente creati dagli inglesi e dai francesi dopo la Prima Guerra Mondiale quando gli inglesi e i francesi occuparono i territori dell’ex impero ottomano.


Il pubblico americano ha creduto alle bugie raccontate su Gheddafi
in Libia. Un paese stabile e prospero è ora nel caos.

Il pubblico americano ha creduto alla bugia che l’Iran ha, o sta costruendo, le armi nucleari. Sanzionato e insultato dall’Occidente, l’Iran si è spostato verso oriente, sottraendosi dall’influenza occidentale.

Il pubblico ha creduto alla bugia che Assad in Siria ha usato “armi chimiche contro il suo popolo.” I jihadisti che Washington ha inviato a rovesciare Assad si sono rivelati essere, secondo la propaganda di Washington, una minaccia per l’America.


La più grande minaccia per il mondo è l’insistenza di Washington sulla sua egemonia
. L’ideologia di una manciata di neoconservatori è la base di questa insistenza. Siamo di fronte alla situazione in cui una manciata di neoconservatori americani pretendono di determinare il destino dei paesi.

Molti credono ancora alle bugie di Washington, ma il mondo sta iniziando a vedere Washington come la più grande minaccia per la pace e la vita sulla terra. L’affermazione che l’America è “eccezionale e indispensabile” è usata per giustificare il diritto di Washington di imporsi sugli altri paesi.

Le vittime delle bombe di Washington sono sempre i civili, e le morti produrranno più reclute per l’ISIS. Già ci sono richieste a Washington di inviare nuovamente soldati in Iraq. La propaganda di recente creazione di una “minaccia russa” ha richiesto maggiore budget per la NATO e più basi militari sulle frontiere con la Russia. Una “forza di reazione rapida” è stata creata per rispondere alla minaccia inesistente di una invasione russa del Baltico, della Polonia, e dell’Europa.
Di solito il pubblico americano impiega un anno, o due, tre, o quattro per rendersi conto di essere stato ingannato dalle menzogne e dalla propaganda, ma al momento il pubblico ha ingoiato una nuova serie di menzogne e propaganda ed è tutto preoccupato dall’ultima “minaccia.” Il pubblico americano sembra incapace di capire che proprio come la prima, seconda, terza, quarta e quinta minaccia era una bufala, così è la sesta minaccia, e così sarà la settimo, l’ottava, e la nona.
Inoltre, nessuno di questi attacchi militari americani in altri paesi ha portato ad una situazione migliore, come Vladimir Putin nota. Eppure, il pubblico ed i suoi rappresentanti al Congresso sostengono ogni nuova avventura militare, nonostante gli inganni e i fallimenti.

Forse, se gli americani studiassero la loro vera storia al posto delle favole idealistiche, sarebbero meno ingenui e meno suscettibili alla propaganda governativa.
Nel 1953 i fratelli Dulles hanno rovesciato il leader eletto dell’Iran, Mossadegh e imposto lo Scià, avvelenando così le relazioni americano-iraniane. Gli americani potrebbero ancora essere trascinati in una guerra costosa e inutile con l’Iran, a causa dei fratelli Dulles.

I fratelli Dulles hanno rovesciato il popolare presidente del Guatemala Arbenz, perché la sua riforma agraria minacciava gli interessi della United Fruit Company, riconducibile ancora ai Dulles. I fratelli hanno lanciato una campagna di disinformazione incredibile che presentava Arbenz come un pericoloso comunista che era una minaccia per la civiltà occidentale.

loading...

I fratelli hanno arruolato dittatori come Somoza in Nicaragua e Batista a Cuba contro Arbenz. La CIA ha organizzato attacchi aerei e una forza d’invasione. Ma nulla poteva accadere finché il forte sostegno che Arbenz godeva tra la popolazione del Guatemala non fosse distrutto. I fratelli hanno organizzato questo attraverso il cardinale Spellman, che ha arruolato l’arcivescovo Rossell y Arellano. “Una lettera pastorale è stata letta il 9 aprile 1954 a tutte le chiese del Guatemala.”
Un capolavoro di propaganda, la lettera pastorale ritraeva Arbenz come un pericoloso comunista che era il nemico di tutti i guatemaltechi. Le trasmissioni radiofoniche hanno diffuso false notizie delle vittorie dei “combattimenti della libertà” e delle defezioni dell’esercito. Arbenz ha chiesto alle Nazioni Unite di inviare osservatori, ma Washington ha impeditoche ciò accadesse. I giornalisti americani, con l’eccezione di James Reston, hanno sostenuto le bugie. Washington ha minacciato e comprato gli alti comandanti militari del Guatemala, che hanno costretto Arbenz a dimettersi. Scelto e ben pagato, il “liberatore” della CIA, colonnello Castillo Armas, si è insediato come successore di Arbenz.

Recentemente abbiamo assistito ad una simile operazione in Ucraina.

Il presidente Eisenhower ha ringraziato la CIA per aver scongiurato “una testa di ponte comunista nel nostro emisfero,” e il segretario di Stato John Foster Dulles ha tenuto un discorso alla nazione in cui dichiarava che gli eventi in Guatemala “espongono lo scopo malvagio del Cremlino.” Questo nonostante il fatto incontestato che l’unico potere esterno che operava in Guatemala erano i fratelli Dulles.

L’altra vittima designata dei fratelli Dulles era Ho Chi Minh. Ho,un leader nazionalista, aveva chiesto l’aiuto dell’America per liberare il Vietnam dal dominio coloniale francese. Ma John Foster Dulles, un ipocrita anti-comunista, ha presentato Ho come una minaccia comunista. Il nazionalismo e l’anti-colonialismo, Foster Dulles ha dichiarò, erano solo un mantello per la sovversione comunista.

Paul Kattenburg, funzionario del Dipartimento di Stato per il Vietnam aveva suggerito agli Stati Uniti di dare ad Ho 500 milioni di dollari di aiuti per ricostruire il paese dalla guerra e dal malgoverno francese, liberandolo così dalla dipendenza dal sostegno russo e cinese, e, in tal modo, dalla loro influenza. Il funzionario fece appello a Washington diverse volte, ma la rigidità demoniaca dei fratelli Dulles impediva qualsiasi risposta sensata. E così, l’isteria montata sopra la “minaccia comunista” dai fratelli Dulles ha trascinato gli Stati Uniti, nella lunga, costosa e fallimentare guerra del Vietnam.

Altri obiettivi dei fratelli Dulles erano il presidente indonesiano Sukarno, il Primo Ministro Patrice Lumumba del Congo, e Fidel Castro. Il complotto contro Castro è stato un tale fallimento da costare ad Allen Dulles il suo lavoro.

Il presidente Kennedy ha perso la fiducia nell’agenzia e disse a suo fratello Bobby che, dopo la sua rielezione avrebbe fatto la CIA in mille pezzi. Quando il presidente Kennedy rimosse Allen Dulles, la CIA aveva capito la minaccia e si mosse in anticipo.(facendolo fuori, ndr)

Warren Nutter, presidente della commissione durante la dissertazione della tesi di dottorato di Craig Roberts e poi Assistente Segretario alla Difesa per gli Affari di Sicurezza Nazionale, ha insegnato ai suoi allievi che se il governo degli Stati Uniti vuole mantenere la fiducia del popolo, come richiede la democrazia, le sue politiche devono essere affermazioni dei nostri principi e apertamente comunicate al popolo. Le agende segrete, come quelle dei fratelli Dulles e di Clinton, Bush e Obama, fanno affidamento sulla segretezza e la manipolazione e, di conseguenza, suscitano la sfiducia del popolo. Se gli americani sono troppo sotto l’effetto del lavaggio del cervello per notarlo, molti cittadini stranieri non lo sono.

Le agende segrete del governo degli Stati Uniti sono costate caro agli americani e a molti popoli nel mondo. In sostanza, i fratelli Dulles hanno creato la guerra fredda con le loro agende segrete e l’isteria anti-comunista. Gli ordini del giorno segreti hanno impegnato gli americani in lunghe, costose e inutili guerre in Vietnam e in Medio Oriente.

I piani segreti della CIA e dei militari che intendevano operare un cambio di regime a Cuba sono state bloccate dal presidente John F. Kennedy e provocato l’assassinio di un presidente, che, con tutti i suoi difetti, avrebbe probabilmente posto fine alla guerra fredda vent’anni prima rispetto a Ronald Reagan.

Le agende segrete hanno prevalso per così tanto tempo che gli americani stessi ne sono ora danneggiati. Come dice il proverbio, “un pesce marcisce dalla testa.” Il marciume a Washington permea ormai il paese.

antidiplomatico

loading...