Il fuciliere è stato ricoverato nei giorni scorsi per un attacco ischemico. Gli avvocati lo vogliono a casa.

loading...

I legali che seguono Massimiliano Latorre, uno dei due marò italiani trattenuti in India, ha chiesto alla Corte suprema che faccia tornare in Italia il suo assistito, “per consentire un suo più rapido e completo ristabilimento”. Lo scrive l’Ansa, che ha appreso la notizia oggi.Latorre ha sofferto di recentemente di un attacco ischemico transitorio. Il fratello Alessandro ha parlato di un problema che ha interessato “una zona profonda del cervello” e il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, si è recata nei giorni scorsi in India, per accertare le condizioni del fuciliere e stare vicino ai familiari, che in questo periodo si trovano a New Delhi.Il ministro ha dichiarato che l’intervento dei medici indiani è stato “rapido e tempestivo” e ha impedito “conseguenze gravi”. La collega Federica Mogherini aveva aggiunto che la “difficile situazione di salute” cambia “anche il modo in cui noi dobbiamo reagire sotto tutti i punti di vista”.La Corte suprema indiana, a cui i legali di Latorre si sono appellati, potrebbe decidere nel giro di pochi giorni. Una prima udienza è prevista per lunedì 8 settembre.

Ilgiornale.it

loading...