”Pubblicheremo un rapporto sull’attuazione nella legislazione nazionale del Fiscal Compact, di cui molti provvedimenti sono gia’ ripresi nelle regole del Patto di Stabilita’. Queste regole non dobbiamo cambiarle, assolutamente. Dobbiamo mantenerle. La questione non si pone, anche perche’ se andiamo a vedere alcuni parametri, come quello del 3%, erano gia’ inclusi nel Trattato di Maastricht. Il Patto di Stabilita’ funziona: nel 2010 il deficit dell’area euro era al 6%, oggi siamo al 2%. Si e’ dimostrato molto utile. Perche’ risponde ai problemi di un’area in cui il livello del debito pubblico e’ alto. Va ridotto, perche’ ogni euro speso per il debito e’ un euro in meno per i servizi ai cittadini”.

loading...

Lo afferma Pierre Moscovici, commissario agli Affari Economici, in un’intervista al quotidiano La Stampa. ”Vorrei essere molto chiaro sul punto perche’ non vorrei far montare le aspettative”. Per l’Italia dunque i margini sono stretti? ”Siamo pronti a esaminare i singoli casi, a iniziare le discussioni con i nostri interlocutori. Ma non a cambiare le regole. Non commento le singole situazioni, ma siamo pronti ad applicare tutta la flessibilita’ prevista dal patto. Senza pero’ fare eccezioni: dobbiamo restare entro i limiti imposti dalle regole”.

loading...