Gli italiani sono geneticamente, culturalmente e anche per senso religioso per coloro i quali sono credenti, propensi al cosiddetto “buonismo”, cioè ad essere accondiscendenti verso situazioni in cui è necessario aiutare chi ne ha più bisogno rispetto magari ad altre culture che antepongono sempre i “fatti propri” a quelli degli altri. Siamo tutti pienamente d’accordo che sia corretta la condotta italiana nel cercare di dare una mano a chi ne ha bisogno, ma sorge spontanea la più che ovvia considerazione: dove si colloca il limite invalicabile al c.d. “buonismo”? Cioè fino a che punto ci si può permettere di essere buonisti ed accondiscendenti nel fornire aiuto, ad esempio al flusso inarrestabile ed incontrollato di migranti?

Si è disponibili ad accogliere ancora 100.000, 200.000, 500.000 migranti e perché allora non 5, 10, 20 se non 50 milioni? Qual è il limite che i (s)governanti italiani ritengono un limite di guardia oltre il quale non poter andare per non compromettere irreversibilmente anche i sacrosanti diritti degli stessi cittadini italiani? In poche parole quale considerano il limite ragionevole all’italico “buonismo”? Oppure vogliamo tentare di mettere l’oceano in una bottiglia? Basta guardare la cartina per rendersi conto che non è ragionevolmente possibile accogliere tutti.

Nell’ascoltare le dichiarazioni di molti esponenti politici italiani questo più che legittimo ragionamento non se lo sono neanche posto per ipotesi, in quanto nessuna programmazione, che tenga conto che a tutto c’è un limite, è stata mai seriamente predisposta lasciando agli eventi quotidiani l’improvvisazione del momento.

Non sappiamo con certezza quante centinaia e centinaia di milioni di persone siano pronte ad approdare in Europa dal Continente africano e dalle regioni medio-orientali rischiando anche la vita, ma di una cosa siamo più che certi: non possiamo materialmente accoglierli tutti neanche se fossimo disponibili a rinunciare radicalmente ai nostri standard di vita conquistati con le unghie e con i denti in migliaia di anni grazie ai sacrifici delle nostre generazioni passate.

Sappiamo dalle organizzazioni internazionali che solamente il 3% dei flussi migratori è giustificato dalla fuga da aree di guerra, mentre tutti gli altri lo fanno per esigenze di miglioramento delle loro condizioni ma che tuttavia rischiano di non trovare nel vecchio Continente e di ridursi a dei veri e propri “schiavi” disposti ad accettare lavori umili e mal retribuiti se non nel finire con il sopravvivere nell’illegalità o di espedienti pur di sbarcare il lunario. E tutto questo facendo felici, con le tasche piene di soldi, le organizzazioni criminali di scafisti e le nostrane cooperative che gestiscono le risorse destinate ai numerosissimi campi d’accoglienza.

loading...

Non desidero cadere nelle retoriche e polemiche constatando che ultimamente lo Stato italiano devolve più risorse pro-capite ai migranti che agli italiani in difficoltà economica, ma è giunto obiettivamente il momento di definire con razionalità, e senza l’emotività del buonismo, quale siano i limiti a tutto questo. Continuando in questo modo rischiamo in pochissimo tempo di peggiorare sia le condizioni degli italiani, chiamati a sostenere sempre più costi aggiuntivi e ad adeguarsi al ribasso al proprio stile di vita, che di non poter garantire assistenza ai migranti per offrirgli ciò che si aspettano da noi.

Il concetto di “buonismo” dovrebbe evolversi ed essere interpretato ormai in modo diverso: perché non adoperarsi invece ad esempio per giungere ad accordi internazionali che prevedano cancellazioni parziali di debito dei paesi originari dei flussi di migranti in funzione di specifici programmi di sviluppo in loco, tali da creare migliori situazioni di vita e aiutare direttamente le popolazioni in difficoltà per indurle a non scappare e a conservare le loro culture e tradizioni invece di farle venire in altri paesi illudendogli che troveranno la terra promessa?

Definire flussi “chiusi” programmati che tengano conto delle effettive capacità di accoglienza e di lavoro disponibili in modo da bloccare i barconi, magari organizzando regolari prelievi con traghetti che non permettano più quotidiane stragi di esseri umani nel mediterraneo né il foraggiamento infinito alle attività criminali, il tutto nella piena legalità della identificazione per consentire ai migranti di essere in regola con i diritti e gli oneri (coperture sociali e pagamento imposte). Questo significa ragionare nell’interesse di tutti non cadere nella facile ipocrisia del buonismo a tutti i costi.

Se non ci sarà prestissimo una classe politica dirigente a livello nazionale ed europeo che ragionerà con questi criteri, assisteremo all’annientamento sia dei nostri stili di vita che alla rivolta violenta, questa volta a casa nostra, a causa di chi è venuto sperando di trovare ciò che non aveva nella propria terra e per i dei cittadini italiani e europei esasperati.

Antonio M. Rinaldi – Scenarieconomici

loading...