Il Partito Democratico è ormai alla frutta, pagano i militanti per tesserarsi. Un video pubblicato su Repubblica scuote il PD napoletano. Guai giudiziari in arrivo? 

Tesseramento Pd a Napoli: è caos. L’ombra del sospetto di presunte irregolarità nelle iscrizioni e nei tesseramenti dem si concentrano in un video postato su la Repubblica online, in cui spuntano conversazioni ambigue…

Iscrizioni e tessera: caos nel Pd napoletano

Dunque, a un anno dal caso dell’euro dato fuori ai seggi delle primarie, un nuovo video scuote il Pd napoletano. Lo ha pubblicato sul suo sito il quotidiano la Repubblica e ritrae le concitate fasi dell’ultimo giorno utile per il tesseramento al partito nel quartiere Miano, zona nord di Napoli. «Dovete portare tessera e codice fiscale, i 10 euro ve li danno loro», spiega una donna all’esterno della sede di un’associazione a chi chiede come ci si deve muovere per tesserarsi al Pd. E un’amica aggiunge: «I 10 euro ve li darà Michel all’interno, se la vede lui». E il «Michel» citato nel video sarebbe Michel Di Prisco, volto noto del Pd della zona, coinvolto nel caso delle primarie del 2011 per la scelta del candidato sindaco di Napoli, primarie poi annullate per il sospetto di brogli anche per gli  extracomunitari portati ai seggi in cambio di pochi euro.

loading...

Sospetti e ambiguità in un video girato di nascosto

Nel corso di un’altra conversazione, catturata da telecamere e microfoni nascosti, si sente una donna mentre spiega in cosa, secondo lei, consiste il tesseramento: «Diciamo che diventiamo dipendenti del partito per Michel, nostro consigliere di quartiere. Dobbiamo mettere una firma per far vedere che facciamo parte del partito, per farlo salire un’altra volta a lui quando ci stanno le elezioni». E ancora, altre due donne: «Per esempio, io voglio un piacere da Ciruzzo? Mi devo fare la tessera per lui. Me lo fa Michel? Mi devo fare la tessera per Michel». I soldi, assicura un’altra donna, «non vanno a noi, né a lui, vanno al partito. Ve li dà Michel e se la vede lui»…

Con fonte Il Secolo D’Italia

loading...