Uno scambio di colpi di fucile agli Champs-Élysées,  a Parigi, ha lasciato sul terreno un poliziotto morto ed un altro ferito.

Fonti della polizia francese riferiscono che uno degli attaccanti è stato neutralizzato, secondo la AFP. Altre fonti indicano che gli attaccanti erano almento due persone armate di armi automatiche, tipo kalashnikov, che hanno attaccato all’improvviso gli agenti di polizia francese.

Un gran numero di agenti di polizia ed addetti alla  sicurezza ha immediatamente circondato la zona ed ai residenti è stato chiesto di allontanarsi e non transitare da tutto il quartiere.

La stazione della metropolitana Franklin Roosevelt è stata immediatamente chiusa, tutta la zona è stata totalmente messa in stato di assedio e viene sorvolata da elicotteri.

Secondo  una ricostruzione fatta dal quotidiano Le Monde,  citando fonti della polizia, l’assalitore o gli assalitori sarebbero  scesi da un auto ed  hanno aperto il fuoco contro gli agenti con armi automatiche , prima di essere a loro volta uccisi dal fuoco dagli agenti.

Il portavoce del Ministero degli Interni, Pierre Henry Brandet,  ha dichiarato che non è ancora possibile determinare il motivo dell’attacco

Per quanto si è saputo, l’attacco è stato attuato in maniera deliberata ed improvvisa contro gli agenti di polizia seguendo una tattica di tipo militare. Alcuni testimoni hanno riferito che i terroristi hanno agito con molta freddezza, come eseguendo degli ordini, tanto da far sospettare che si tratti di elementi ben addestrati.

La polizia e le forze di sicurezza stanno procedendo ad un rastrellamento di tutta la zona, eseguendo perquisizioni casa per casa.  Si sono uditi spari anche da altra zona di Parigi ma ancora non si hanno informazioni.

loading...

Si sospetta che si tratti di terroristi di ritorno dalla Siria (foreign fighters) dove si erano recati, per combattere contro il Governo di Al-Assad, molti cittadini francesi, di origine araba, arruolati grazie a centrali di arruolamento presenti a Parigi ed a Marsiglia.

Il Governo francese aveva espresso il suo appoggio ed il suo plauso a questi terroristi, sperando che potessero riuscire nell’intento di rovesciare il Governo di Damasco. Non essendo riusciti nel compito, adesso molti di loro, quelli che non sono stati uccisi dalle forze siriane, rientrano in Francia ed alcuni sono decisi a colpire anche in territorio francese. I servizi di intelligence avevano avvisato del pericolo ma il governo Hollande è accusato di averlo sottovalutato.

Nelle prossime ore si avranno più dettagli di questa informazione.

Nuovo attacco terroristico a Parigi: colpi di kalashnikov contro la polizia, un poliziotto morto ed un ferito

loading...