Il Venezuela è terra di grandi paradossi. Un luogo dove frequentare l’università costa meno che la scuola elementare, dove un litro d’acqua potabile costa più di un litro di benzina. Lo dicevaWilliam J. Bratton, il commissario di polizia che ha aiutato il sindaco Rudolph Giuliani a rimettere ordine a New York negli anni ’90, guardando Caracas: “Non si può fare niente in una città così paradossale, dove a differenza di tutti gli altri città al mondo i ricchi vivono in basso e i quartieri più poveri sono in alto”. Qui l’ordine è un’utopia.

Così, il secondo Paese con più riserve petrolifere e uno dei grandi produttori di greggio al mondo è sull’orlo del default. Lo Stato non è capace di pagare il debito e deve chiedere soldi in prestito agli “hermanos” comunisti della Cina. Il mese scorso il governo del presidente Nicolás Maduroha dovuto importare petrolio dall’Algeria per soddisfare il fabbisogno interno. Un Paese che produce 2,3 milioni di barili di petrolio al giorno e negli ultimi cinque anni ha avuto un reddito petrolifero di 700 miliardi di dollari. Un Paese che è un paradosso.

Secondo l’Istituto nazionale di statistiche venezuelano, l’inflazione è aumentata del 150% in due anni. Oggi è al 39%, la più alta al mondo. Il controllo del cambio della divisa straniera imposto dall’amministrazione del presidente Hugo Chávez nel 2003 – e ancora in vigore – ha generato un mercato nero parallelo che colpisce la produzione e il rifornimento di prodotti di prima necessità, tra cui la carta igienica e il pane.

loading...

La rivista britannica The Economist ha pubblicato un editoriale in cui valuta l’economia venezuelana “la peggiore amministrata al mondo”. “Un grande produttore di petrolio incapace di pagare i conti durante un boom prolungato del prezzo del petrolio è una cosa rara”, scrive il settimanale.

Il più grande errore? La mala gestione dell’economia, che si basa sulla mono-produzione del petrolio e sostiene tutto l’impianto sociale di natura populista. “Alla fine del secondo trimestre del 2014 il Venezuela ha superato i sette miliardi di dollari di debito finanziario, che deve pagare entro il mese di ottobre. Il governo insiste nel dire che ha i mezzi e la volontà di pagare gli obblighi, ma ne aspetta la scadenza”, ha scritto l’Economist. Il 16 settembre scorso l’agenzia Standard & Poor’s ha assegnato al Venezuela un CCC+, la più alta categoria di rischio.

“La recessione economica, l’alta inflazione e le pressioni sulla mancata liquidità minacciano la capacità del governo di pagare gli obblighi sul debito estero nei prossimi due anni”, ha spiegato S&P. Rafael Ramírez, presidente di Pdvsa e ministro dell’Energia per più di 10 anni, ha proposto l’aumento del costo della benzina come possibile soluzione all’imminente crack finanziario. Il presidente Maduro ha risposto sostituendolo con un cugino di Chávez. E il fantasma del default resta.

loading...