POLONIA – La procedura dell’Ue contro la Polonia ”si sviluppa completamente al di fuori dei trattati Ue” e ”non e’ altro che un allegro lavoro per il piacere della Commissione e dei suoi funzionari”. Lo ha detto il capo del partito di governo polacco Pis Jaroslaw Kaczynski, in un’intervista alla Bild. La Commissione Ue, infatti, si è intromessa nella vita politica della Polonia lanciando addirittura un ultimatum di tre mesi perchè si adegui alle decisioni politiche espresse dalla stessa Commissione sugli assetti istituzionali della Polonia. Una follia, questa della Commissione Ue, degna del nazismo o della dittatura comunista dell’ex blocco sovietico da cui proprio la Polonia provò a liberarsi ben prima della caduta del muro di Berlino.

loading...