L’Italia è il Paese che potrebbe fare affondare l’intera Unione Europea. A scriverlo in un lungo editoriale è il quoridiano tedesco Die Welt, secondo il quale le politiche del governo di Roma metterebbero il Belpaese in una situazione di tale difficoltà da rischiare di trascinare con se l’intero sistema comunitario. Renzi avrebbe per questo delle grandi responsabilità.

Nonostante Mario Draghi continui a ripetere che la politica monetaria non ha mai funzionato meglio di oggi, Die Welt ricorda che la situazione italiana è molto precaria e che Bankitalia continua a chiudere in negativo. Ci sarebbe bisogno di una forte crescita, scrivono, che però non sta avvenendo. Secondo i tedeschi il Paese è infatti quello in cui gli effetti dell’introduzione dell’euro hanno causato il maggiore aumento di povertà, anche di più di Grecia e Portogallo.

In questa situazione l’Italia è ben lontana dalla crescita economica di cui il governo parla e che senza di essa il Paese non riuscirebbe a ripagare i debiti contratti con la Troika e potrebbe essere l’anello debole che faccia cadere la Ue. I problemi più profondi sono però di tipo politico. L’Italia si deve aspettare un “autunno di fuoco” in cui Matteo Renzi dovrà confrontarsi con nun referendum, quello costituzionale, al quale ha vincolato il proprio destino.

In caso di sconfitta, secondo Die Welt, pur rimanendo al governo Renzi perderebbe di ogni credibilità e difficilmente riuscirebbe a gestire il Paese e le tensioni interne. L’analisi conclude scrivendo che “il tempo l’Italia sta per scadere”. Le scelte del premier rischiano di portare al governo i Cinque Stelle e le forze anti-sistema. In quel caso l’Italia difficilmente uscirebbe dall’eurozona, ma compierebbe scelte politiche contrarie alla volontà comunitaria che ne rischierebbero di mettere sotto scacco tutto il sistema. Per questo non è da escludere che Renzi possa essere colui che porti all’implosione della Ue.

Fonte: Qui

loading...