Marco Milanese, ex consigliere del ministro Giulio Tremonti, e’ stato arrestato per corruzione dalla Gdf nell’ambito dell’inchiesta sul Mose. A chiedere la misura di custodia cautelare per Milanese, che era gia’ indagato, la procura di Venezia; secondo quanto filtra da ambienti investigativi sarebbero infatti stati acquisiti nuovi elementi. Il Gip ha accolto, con un’ordinanza, la richiesta avanzata lo scorso 10 giugno dalla Procura di Venezia. Come spiega un comunicato stampa, il Gip ha emesso a carico di Milanese anche un decreto di sequestro preventivo di 500mila euro, come “prezzo del reato, consegnato a Milanese tra l’aprile e il giugno del 2010 in virtu’ del ruolo di consigliere politico dell’onorevole Giulio Tremonti, all’epoca Ministro dell’Economia, al fine di far ottenere al Consorzio Venezia Nuova finanziamenti inizialmente esclusi dalle delibere del Cipe dell’anno 2010”. L’ex parlamentare di Forza Italia e’ stato fermato a Roma. Il suo fascicolo, assieme a quello dell’ex generale della Gdf Emilio Spaziante, era stato trasferito nei giorni scorsi a Milano per competenza territoriale: il passaggio di soldi a Milanese, infatti, sarebbe, secondo la ricostruzione degli inquirenti, avvenuto nel capoluogo lombardo. (AGI

loading...