Un commento di Ambrose Evans Pritchard sul Telegraphsottolinea – come avevamo già osservato – che la resistenza della Germania sta tagliando le gambe a Draghi e alle sue manovre di politica monetaria – che comunque non risolverebbero.

 

Mario Draghi, presidente della BCE, sembra incapace di ottenere il sostegno della Germania al suo piano di stimoli da un 1 trilione di
Le borse europee hanno subito in un giorno solo il più ripido crolloda 15 mesi a questa parte, dopo che la Banca centrale europea haritirato il suo impegno per un blitz di stimolo da 1 trilione di € e non è riuscita a chiarire la scala del quantitative easing.

 L’ondata di vendite è arrivata nel bel mezzo di una crescentetempesta politica in cui economisti e giuristi tedeschi di alto profilohanno reagito con furia ai primi acquisti di asset della BCE, denunciandoli come un atto di sregolatezza monetaria, e minacciando una bufera di azioni legali nei tribunali tedeschi. “I nostri peggiori incubi si stanno avverando“, ha detto Hans Werner Sinn, capo dell’Istituto tedesco IFO.
La Borsa di Milano è crollata di quasi il 4pc, guidata da forti cali nelle banche italiane che contano sulla nuova liquidità della BCE. L’indice Eurostoxx 600 è sceso del 2.4pc e il FTSE 100 dell’ 1.7pc, al livello più basso di quest’anno, con effetti che si diffondono nei mercati globali. 
 

 

L’indice CRB delle materie prime è crollato ai livelli del 2004, prima dell’inizio del boom delle risorse, e il Brent greggio è sceso alminimo da due anni, a 92,83 dollari,  per l’aumento dell’offerta da parte della Libia e sui timori di un rallentamento industriale in Cinasempre più marcato.
Mario Draghi, presidente della BCE, è parso incapace di ottenere il sostegno a misure di vasta portata da parte dei due membritedeschi della BCE e del ministero delle finanze tedesco, rimanendo così costretto a ridimensionare le precedenti allusioni ad un aumento del bilancio della BCE di 1 trilione di.

Mentre parlava all’interno di un palazzo rinascimentale a Napoli, la polizia antisommossa
ha disperso con gli idranti folle di manifestanti sulla strada di fronte. La città è diventata un calderone politico, con il più alto “indice di povertàin Europa. La disoccupazione giovanile nel Mezzogiorno d’Italia è ancora in aumento, superando il 56pc nel secondo trimestre.
Draghi ha detto che la BCE avrebbe cominciato questo mese ad acquistare obbligazioni garantite e asset-backed securities (ABS), ma non ha dato cifre concrete e ha eluso tutte le domande sulla portata dello stimolo. “Non vorrei dare troppa importanza alla dimensione del bilancio di per sé,” ha detto.
Lo strategist dei titoli pubblici Nicholas Spiro ha detto che la BCEstava facendo “marcia indietro” sugli impegni precedenti e sembrava aver perso la fiducia nella sua capacità di fermare la deflazione. “Draghi si trova ad affrontare un serio problema di credibilità”, ha detto.
Gli investitori avevano fatto affidamento sul fatto che, come la Federal Reserve americana esaurisce i suoi acquisti di asset, la BCE raccogliesse il testimone mantenendo il sistema finanziario globale ben provvisto di liquidità. E’ un brutto colpo scoprire che ora ci può essere una pausa, in un momento in cui la zona euro sta flirtando con un crollo deflazionistico e i mercati emergenti sono sotto forte pressione.

Jacques Cailloux, d
i Nomura, ha detto che Draghi ha le mani legate. “La Germania è ovviamente un importante ostacolo. La BCE sa che non p fare molto e sta solo cercando di mantenere la fiducia. Quello che stanno facendo è minimo e non avrà alcun effetto sull’inflazione nei prossimi due anni. La loro dichiarazionericorda la Banca del Giappone nel 2003,” ha detto.
Mr Cailloux ha detto che la zona euro richiede una vera e propriaNew Deal per uscire dalla trappola deflazionistica. “Piccole misurenon otterranno nulla. C’è bisogno di qualcosa di veramente serio” ha detto.

Eppure
il “QE-lite” di Draghi è già sufficiente per infiammarel’opinione pubblica in Germania, dove il partito anti-euro AfD ha stravinto a grande maggioranza in tre legislature statali. C’è moltacritica in tutto lo spettro politico, con anche i socialdemocratici e i Verdi che hanno denunciato i primi passi verso il QE come una nuova pericolosa impresa.
“Non ho mai visto tanta indignazione in Germania contro le azioni di un’istituzione europea. La BCE sta diventando un deposito discorie nucleari “, ha detto Gunnar Beck, esperto di diritto tedesco presso l’Università di Londra.
  “La BCE sta per acquistare titoli spazzatura dalla Grecia e da Cipro, e probabilmente anche dall’Italia. Questa è una socializzazione del rischio ed è completamente illegale. Posso dirvi che ci sono delle cause già in cantiere” ha detto.

Le circostanze
non sono le stesse dell’agosto 2012, quando Draghi ha avuto il pieno sostegno del ministero delle Finanze tedesco per il suo piano OMT. Questa volta l‘establishment tedesco è contro di lui. “E’ molto diverso”, ha detto Moritz Kraemer, di Standard & Poor.

Draghi ha un compito
che è quasi impossibile che piaccia a entrambe le parti, che lo accusano con uguale veemenza di fare troppo e troppo poco. 
“E’ molto comprensibile che le persone siano euroscettiche“, ha confessato. “Le cose non stanno andando bene, con alcuni paesi in recessione senza fine. In altre parti d’Europa le persone si sentono come se stessero pagando per tutti gli altri “, ha detto, insistendo con una certa emozione che la BCE “non è il colpevole”di tutto ciò che è andato storto.

Jurgen Stark,
l’ex capo economista della BCE, ha detto che la BCE ha “rigettato” il Trattato di Maastricht e sta impostando una politica monetaria per i “paesi in crisi” piuttosto che per l’intera zona euro. Questo porterà a inevitabili conflitti di interesse.
“La decisione della BCE di raddoppiare lo stimolo è un atto di disperazione. La sua volontà di acquistare titoli ABS è particolarmente rischiosa e crea una responsabilità solidale che mette a rischio i contribuenti europei. La BCE non ha la legittimità democratica per prendere tali decisioni di vasta portata “, ha detto. Stark ha detto che la BCE si è impegnata nel tentativo di ridurre il tasso di cambio dell’euro, cedendo a unafortissima pressione politica” da parte di Francia e Italia.
In questo Draghi ha avuto successo. L’euro è crollato del 9pc sul dollaro da maggio. Lord Turner, ex regolatore top della Gran Bretagna e ora un teorico monetario, ha detto che è tutt’altro che chiaro se deprezzare l’euro salverà l’Europa. “Tutti voglionosvalutare la propria moneta. Ma dal momento che il Giappone, la Cina e l’Europa stanno tutti cercando di farlo allo stesso tempo, questo non potrà funzionare per il mondo intero”

 

loading...