L’indice destagionalizzato è sceso anche in luglio. A livello annuo -0,7%. Pesano oridnativi interni e dall’estero.
Nel mese di luglio l’indice destagionalizzato degli ordini all’industria è sceso dell’1,5% in termini congiunturali, come in giugno, rende noto Istat.

L’indice destagionalizzato del fatturato è sceso dell’1% dopo un rialzo dello 0,2% a giugno.

A livello annuo gli ordinativi sono scesi dello 0,7% (dati grezzi) a fronte del +1,3% del mese precedente, mentre il fatturato, corretto per il calendario, è sceso dell’1,3% dal -0,3% di maggio.

loading...

Il fatturato dell’industria a luglio è diminuito, al netto della stagionalità, dell’1% rispetto al mese precedente. Lo rende noto l’Istat, spiegando che flessioni si sono registrate sia sul mercato interno che su quello esterno. Corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 23 come a luglio 2013), il fatturato a luglio è sceso dell’1,3% rispetto alle stesso mese dello scorso anno, con un calo del 2,2% sul mercato interno e un incremento dello 0,5% su quello estero.

Gli ordinativi all’industria, a luglio, hanno mostrato un calo dell’1,5%, dovuto a una flessione degli ordinativi esteri del 2,1% e a un calo dello 0,9% di quelli interni.

Su base tendenziale, l’indice grezzo degli ordinativi registra un calo dello 0,7%. L’incremento più rilevante si registra nella fabbricazione di mezzi di trasporto (+12,8%), mentre la flessione maggiore si osserva nella fabbricazione di macchinari e attrezzature (-6,2%).

loading...